Nemo

Nemo I.G.T. Toscana

Nemo

I.G.T. Toscana

Nella metà degli anni Settanta – quando fervido era il dibattito se i vitigni internazionali potessero trovare legittima dimora nella Toscana centrale – Fabrizio Bianchi decise di impiantare il Cabernet Sauvignon nel vigneto Il Mulino da cui, nel 1982 ebbe origine questo vino dall’espressione territoriale unica. Il suo nome prende spunto dal famoso detto “Nemo propheta in patria” che in quegli anni ben si addiceva allo spirito d’avanguardia e pionieristico dell’azienda.

Denominazione

I.G.T. Toscana Rosso

Primo anno di produzione

1982

Vitigni

100% Cabernet Sauvignon

Sistema di allevamento

Cordone speronato


Vinificazione

In tini di acciaio tronco-conici a temperatura controllata con sistema di svuotamento (Délestage) e rimontaggi per circa 20/22 giorni

Maturazione o invecchiamento

In barriques nuove di rovere francese per circa 18 mesi

Affinamento

Due anni in bottiglia

93/100

James Suckling

James Suckling

92/100

Robert Parker

Monica Larner

94/100

Vinous

The 2017 Cabernet Sauvignon Nemo Vigna Il Mulino is a beautiful, expressive wine. Scorched earth, licorice, dried herbs, incense and tobacco bring out the savory side of Cabernet Sauvignon. Readers should expect a potent, tannic wine with a good deal of aromatic intensity and structure. As always, Il Mulino presents a distinctly Italian and Tuscan expression of Cabernet Sauvignon.

Antonio Galloni

Andamento climatico

La 2017 è stata una delle annate più calde degli ultimi decenni. I primi mesi dell'anno sono stati variabili con qualche pioggia solo a fine febbraio e marzo. Poi si sono verificate alcune gelate tardive, ma da maggio in poi le piogge sono state molto esigue e le temperature sono state sempre al di sopra delle medie stagionali. In luglio e agosto si sono spesso raggiunti dei picchi di caldo. Solo nei primi giorni di settembre si sono verificate alcune piogge, non abbondanti, ma sufficienti ad interrompere quel caldo che da tempo affliggeva le viti e a completare il regolare processo di maturazione delle uve. In questa annata straordinariamente calda sono state fondamentali la gestione precisa e puntuale del vigneto e l'esperienza nel processo di vinificazione, per ottenere uve sane e vini di alto profilo. Nonostante la significativa diminuzione delle quantità prodotte, i vini 2017 sorprendono piacevolmente in termini di qualità. Si tratta di vini dal colore vivace e profondo. L'impatto olfattivo è intenso e vario, con importanti note fruttate. I tannini sono generalmente maturi e morbidi in bocca ma con la grande acidità e mineralità che contraddistinguono il Sangiovese coltivato su suolo di Galestro. Nel complesso, nonostante la vendemmia calda, i vini 2017 prodotti al Castello di Monsanto hanno buone potenzialità di invecchiamento.